Tutta la mia città

Flagelli di ieri e di oggi

02/05/2021

Dal Lazzaretto all'Ospedale Papa Giovanni XXIII

Covid 19: la peste dei giorni nostri. Al di là di ogni fiducia in una raggiunta e consolidata sicurezza, una terrificante epidemia, anzi, pandemia, ci sta devastando. Bergamo in prima linea, con il suo ospedale, ora come nel passato si trova a fare i conti con la malattia e la morte. Il Lazzaretto e l’Ospedale Papa Giovanni 23°: due luoghi simbolo della storia della sofferenza a Bergamo.

Il Lazzaretto

Costruito tra il 1504 e il 1581 per volontà della Repubblica di Venezia, in un luogo periferico al di fuori delle Muraine, era stato realizzato per isolare gli ammalati di peste. Su modello di quello di Milano, aveva forma di quadrilatero (130 m. di lato) circondato da un portico, su cui si affacciavano 84 celle. Al centro, una cappella dedicata a S.Rocco e S.Sebastiano, demolita nel 1868.

Panoramica del Lazzaretto di Bergamo. Nella fotografia si vedono il porticato interno dietro al quale ci sono le porte e le piccole finestre delle celle. Al centro del chiostro un ampio prato verde.
Il Lazzaretto di Bergamo

Nei suoi cinque secoli di vita il Lazzaretto subì notevoli trasformazioni, a seguito di svariate destinazioni d’uso: ricovero per appestati prima e malati di colera poi, luogo di quarantena militare e prigione nel 18° secolo, destinato poi alla detenzione ed esecuzione dei  prigionieri di guerra durante la Repubblica di Salò (la famigerata Caserma Seriate).

L'esterno della cella 65 al Lazzaretto

Dopo lunghi anni di degrado e di abbandono, da fine anni Sessanta il Lazzaretto fu gradualmente recuperato ed oggi ospita spazi associativi e istituzionali. Una delle antiche celle, la numero 65, è stata restaurata e affidata alla “Fondazione Bergamo nella storia” per farne un luogo della memoria. Inaugurata nel novembre 2010, mostra la struttura tipica originaria di queste celle, tutte con una finestra e una porticina, e all’interno un piccolo camino e un gabinetto. Nelle pareti, una nicchia con un acquaio e una sorta di armadio a muro con ripiani. Una videoinstallazione, con proiezione multimediale, racconta della peste del 1630, che provocò in soli cinque mesi 9533 morti in città e altri 47322 in provincia.

La lapide posta nel fornice di Porta S. Lorenzo

Come noto, i carri coi cadaveri provenienti dal Lazzaretto passavano da Porta S. Lorenzo per essere scaricati nel “fupù” della Fara, ma quello che non si nota è un’antica lapide, posta nel fornice della Porta e un po’ corrosa dal tempo, che ricorda la fine della pestilenza e il Capitano veneziano della città, Giovanni Antonio Zen, che nel periodo del contagio si adoperò in modo ammirevole per alleviare le sofferenze della popolazione.

L’Ospedale Papa Giovanni XXIII e la sua chiesa

Il giardino rappresentato sui pannelli interni della Chiesa dell'Ospedale

Inaugurato nel 2012, l’Ospedale si propone come una struttura aperta costituita da 7 torri di 5 piani, unite a un’unica piastra centrale. Situato nella zona cosiddetta della Trucca, a sud ovest della città, in un’area con valenza ecologica e paesaggistica e in vista di Città Alta, vuole interpretare l’idea di un “ospedale nel verde”. L’idea di spazio verde, di luce e di natura si declina infatti in vario modo sia all’interno che all’esterno dell’ospedale, e anche nella chiesa, inaugurata due anni dopo.

Il Portale della Chiesa dell'Ospedale

Questa, ricca di luce enfatizzata dalle tonalità chiare e dall’effetto di leggerezza dei materiali, si avvale di opere d’arte contemporanea che rimandano visioni, variamente elaborate, di paesaggi ed elementi naturali. Come l’immagine di un tratto di arido paesaggio collinare (forse la collina del Golgota?) creato da Stefano Arienti e trasferito nel legno del portone centrale come un originale mosaico fatto di pieni e di vuoti. O i pannelli di rivestimento interni, in cemento trattato a graffito, in cui lo stesso artista propone un giardino mediterraneo (forse il giardino dell’Eden?). Fulcro della chiesa è la Crocefissione nell’abside, anzi, nelle tre absidi, interpretata da Andrea Mastrovito, e ambientata in un bosco ricco di vegetazione, un paesaggio in cui la morte di Cristo è inserita in un contesto di vita, tranquillo e rasserenante, e la figura di Papa Giovanni vi appare come consolatore delle sofferenze. La raffigurazione è realizzata con lastre di vetro intagliato montate a strati sovrapposti e si avvale di una tecnica di pittura antica, detta “a grisaglia”. Lo sfondo è oro, alternato al bianco.

L'opera di Andrea Mastrovito "Crocefissione" nell'abside della Chiesa dell'Ospedale

L'Ospedale nel verde

"Fukinagashi" che significa “spazzato dal vento”: opera dell'artista Francesco Pedrini.

Il bosco, come simbolo di vita e di rinascita, è tema anche di una recente iniziativa dedicata a tutte le vittime del covid: il “Bosco della memoria”, che sta sorgendo proprio qui, in un’area del Parco della Trucca adiacente all’ospedale di Bergamo, che con i suoi 670 morti in città e 6000 nella provincia, è città-simbolo dell’epidemia covid in Italia. Inaugurato dal Presidente del Consiglio Draghi il 18 marzo 2021 con la piantumazione di un tiglio, il “Bosco della memoria” sarà costituito da circa 850 tra alberi e arbusti: un luogo vivo di incontro e di formazione, segno visibile di positività e di speranza. Ma torniamo nell’area dell’ospedale, dove, a destra dell’entrata principale, un bonsai giapponese è incastonato in un blocco di marmo di Zandobbio. Simbolo delle piante che crescono sulla costa del mare o sui precipizi delle montagne: la natura resiste e si adatta al vento e alle condizioni più sfavorevoli. Come l’uomo, che pur nella sua fragilità può trovare la forza per resistere anche nelle condizioni più difficili e rimanere aggrappato alla vita. Un messaggio di speranza, coraggio e fiducia, per chi si trova in un luogo dove la vita può incontrare i suoi momenti più duri.

Note:

Le fotografie dell’articolo sono state in parte scattate da me e in parte scaricate dal web. Resto a disposizione qualora l’autore delle immagini desiderasse la citazione o eventualmente la rimozione.

Tea Tiraboschi
Laureata a Bergamo in Lingue Straniere, ho lavorato come insegnante nella scuola primaria e secondaria di 1°grado. Dopo la nascita del mio terzo figlio mi sono ritirata da questa attività e ho gradualmente scoperto un crescente interesse verso il mondo dell'arte e della storia locale. Dal 2007 lavoro come guida turistica in italiano e inglese, attività che mi piace molto perchè mi permette di stare con la gente e di far loro conoscere storia, curiosità e bellezze del nostro territorio. Sono inoltre specializzata in turismo accessibile grazie ad una specifica formazione con viaggipertutti.it

Related Posts

Fuori dal Comune
Dialogo reale fra un’adolescente superficiale, ma curiosa, e suo padre Ma com’è che si chiama questa pittura che vediamo qui, […]
Cosa bolle in pentola...
Quando un piatto poverissimo della tradizione diventa un modo di dire Vi siete mai sentiti dare questa risposta quando chiedevate […]
Tutta la mia città
Una città... sotto la città La città sul colle, il borgo storico racchiuso dalla cerchia delle Mura veneziane patrimonio dell’Unesco, […]
Tutta la mia città
La profondità delle acque è sempre stata una mia mania, da piccola. Qualcosa che mi spaventava e mi attirava al […]
magnifier